Ufficio Stato Civile

Tel. 0384 822207  Fax. 0384 822252  @:  statocivile@comune.mede.pv.it    pec: comunedimede@pec.it

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00, il lunedì e il giovedì anche dalle ore 15.00 alle ore 17.30

FUNZIONI:

PUBBLICAZIONI DI MATRIMONIO CIVILE E RELIGIOSO

La pubblicazione di matrimonio consiste nell'affissione presso la Casa Comunale di un atto contenente le generalità degli sposi . È in pratica la dichiarazione di voler contrarre matrimonio davanti all’ufficiale dello stato Civile oppure davanti a un ministro di culto, presentata dai nubendi o da persona che ne ha ricevuto da essi speciale incarico.
Le pubblicazioni di matrimonio devono essere esposte all’albo dei comuni di residenza di entrambi i futuri sposi per otto giorni consecutivi.
Il matrimonio può essere celebrato a partire dal quarto giorno dalla conclusione delle pubblicazione ed entro 180 giorni.
I cittadini minori di 16 anni non possono unirsi in matrimonio.

Possono contrarre matrimonio civile:

  

  • i cittadini maggiorenni che hanno lo stato libero, cioè che non sono legati da un precedente matrimonio, e che non sono legati da vincoli di parentela, di affinità, di adozione e affiliazione nei gradi stabiliti dal Codice Civile;

  •  i cittadini già coniugati che hanno ottenuto la cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio;

  •  i cittadini tra i 16 ed i 18 anni che hanno ottenuto l’autorizzazione del Tribunale dei Minori.

 
La data e l’ora della cerimonia dovranno essere concordate con l’Ufficio di Stato Civile.

Possono sposarsi con matrimonio religioso:

  • i cittadini maggiorenni che hanno lo stato libero, cioè che non sono legati da un precedente matrimonio, e che non sono legati da vincoli di parentela, di affinità, di adozione e affiliazione nei gradi stabiliti dal Codice Civile;

  • i cittadini già coniugati con cerimonia religiosa che hanno ottenuto l’annullamento del precedente matrimonio;

  • i cittadini che precedentemente hanno contratto solo il matrimonio civile;

  • i cittadini tra i 16 ed i 18 anni che hanno ottenuto l’autorizzazione del Tribunale dei Minori.

 

Modalità e Tempi 

La richiesta delle pubblicazioni deve essere presentata all’Ufficio Stato Civile del Comune di residenza di uno dei due sposi, preferibilmente in quello in cui si intende celebrare il matrimonio, almeno due mesi prima del matrimonio, concordando personalmente un appuntamento. 
I documenti necessari vengono acquisiti d’ufficio previa presentazione di dichiarazione sostitutiva di certificazione attestante i dati dei due sposi.

Nel caso di matrimonio religioso, gli sposi devono presentare la richiesta di pubblicazione rilasciata dal Parroco o dal Ministro di Culto.
Nel caso di matrimonio di minorenni (dai 16 ai 18 anni) è necessario allegare l’autorizzazione del Tribunale dei Minori.

 

Costo

€ 16,00 per marca da bollo applicata su ogni atto affisso ( n° 1 marca se entrambi  i nubendi sono residenti nel Comune; n° 2 marche se residenti in Comuni diversi).

 

MORTE

 Denuncia di morte

E’ la comunicazione dell’avvenuto decesso nel Comune di un cittadino anche non residente.
In genere si occupa di tutto l’Agenzia di Onoranze Funebri incaricata dai famigliari.
Comunque, in caso di decesso presso l’abitazione, va contattato il medico curante per l’accertamento delle cause e la redazione del certificato necroscopico e della scheda ISTAT.
Se il decesso avviene in Ospedale o in casa di cura o in struttura per anziani, provvederà l’Amministrazione ospedaliera a redigere i certificati del caso, che potranno essere ritirati da un parente o da un delegato presso la Direzione Sanitaria.
In entrambi i casi le relative certificazioni devono essere consegnate all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune dove è avvenuto il decesso per la stesura dell’atto di morte e per il rilascio del permesso di seppellimento.

 

NASCITA

 Dichiarazione di nascita

In seguito alla nascita di un figlio è neccessario fare la dichiarazione (o denuncia) di nascita. 
Tale dichiarazione può essere effettuata: dal padre, dalla madre o da un  loro procuratore speciale, dal medico, dall’ostetrica o da persona presente al parto, rispettando l’eventuale volontà della madre di non essere nominata. 
Se i genitori non sono coniugati, la denuncia deve essere fatta da entrambi.

Modalità e  Tempi


La dichiarazione deve essere effettuata presso l’Ufficio di Stato Civile del Comune dove è avvenuta la nascita oppure presso l’Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza dei genitori (nel caso in cui i genitori non risiedano nello stesso Comune, salvo diverso accordo tra di loro, la denuncia va fatta presso il Comune di residenza della madre), oppure presso la Direzione Sanitaria dell’ospedale o della casa di cura dove è avvenuta la nascita.
La denuncia deve avvenire entro 10 giorni dalla nascita se la dichiarazione è presentata al Comune, entro 3 giorni se la dichiarazione è presentata alla Direzione Sanitaria dell’Ospedale o casa di cura in cui è avvenuta la nascita. In questo caso sarà cura del Direttore Sanitario trasmetterla al Comune nei 10 giorni successivi.

Costo

Gratuito.

 

CERTIFICAZIONE

 I certificati ed estratti di Stato Civile sono l’attestazione da parte dell’ufficiale dello Stato Civile di un avvenimento (nascita, matrimonio, morte) relativo a un soggetto determinato e sono rilasciati esclusivamente in carta libera esente da diritti.

I certificati vengono rilasciati dall’ufficio di stato civile del Comune in cui è avvenuto l’evento o in cui è stato trascritto l’atto.
E' possibile inoltre il rilascio di estratti di atti di Stato civile (nascita, matrimonio e morte) su modelli internazionali validi per l'estero (modelli plurilingue) Le copie integrali degli atti vengono rilasciate all'interessato dietro presentazione di richiesta scritta.

 

Modalità


La richiesta deve essere fatta presso l'Ufficio Stato Civile.

 

Costo

nessuno

 
 
 
;